E-mail Stampa PDF
Il Trasporto per Vie Navigabili Interne di Merci Pericolose
Con il D. Lgs. 35/2010, che ha recepito la Direttiva Quadro 2008/68, è stato sancito che il trasporto di merci pericolose su vie navigabili interne deve essere svolto in conformità alle norme stabilite con l’ADN (Accordo Europeo relativo al Trasporto Internazionale di Merci Pericolose su Vie Navigabili Interne)

L’ADN viene aggiornato ogni due anni, e prescrive specifiche norme da applicare in materia di:
- Classificazione delle merci e dei rifiuti pericolosi;
- Organizzazione e modalità di esecuzione delle spedizioni e del trasporto;
- Assegnazione di specifici obblighi e responsabilità;
- Caratteristiche degli imballaggi, delle unità di trasporto e delle navi;
- Formazione del personale;
- Adempimenti normativi connessi allo svolgimento di tali attività
- Condizioni per il trasporto in esenzione parziale o totale dall’ADN

Tra i principali adempimenti connessi a tale attività, al fine di garantire l’esecuzione di spedizioni in piena conformità alla normativa vigente, vi sono:

- La nomina di un Consulente alla Sicurezza per il Trasporto di Merci Pericolose;
- La formazione specifica e continua del personale (amministrativo ed operativo) addetto allo svolgimento di attività connesse al trasporto di merci pericolose.

 


 

ADR
per il trasporto stradale

ADN
per il trasporto per vie navigabili interne
RID
per il trasporto ferroviario
IMDG
per il trasporto marittimo
DGR
per il trasporto aereo
Sei nella pagina: Il Trasporto per Vie Navigabili Interne di Merci Pericolose